Inês Barahona, Miguel Fragata Ciclone – La mia vita sulle montagne russe

Traduzione di
Paolo Marelli

Illustrazioni di
Mariana Malhão

Codice ISBN
9788831426381

N° pagine
104 a colori

Anno di pubblicazione
2022

Illustrazioni di Mariana Malhão
Traduzione di Paolo Marelli

Crescere a volte fa venire il capogiro: è un po’ come essere sballottati dalle montagne russe più contorte del mondo.
Lo sa bene Anabela, alle prese con una famiglia che non capisce cosa significa avere 16 anni nel 1973 ed essere innamorate del giovane giostraio appena arrivato in città.
E che dire di Carla, con i suoi 13 anni e due eventi che le scombinano la vita: l’avvento della pubertà, che le riempie la pelle di foruncoli, e il crollo del muro di Berlino, che la catapulta nel mondo “dei grandi”.
Per non parlare del misterioso M. e della sua vita da girovago al seguito del parco divertimenti di famiglia, in un mondo in cui sembra esserci sempre meno spazio per le attrazioni itineranti…
Ed ecco Bernardo, esploratore urbano perennemente in viaggio per postare i video e le foto che realizza mentre si addentra nei vecchi luna park abbandonati.

Quattro adolescenti in quattro momenti della storia diversi raccontano le loro speranze e frustrazioni, uniti da Ciclone, la gigantesca montagna russa che per mezzo secolo ha attraversato il mondo.

Il mio pensiero …

Buon mercoledì readers, vi consiglio oggi un libro con protagonisti degli adolescenti, tra i 13 e i 19 anni, alle prese con le difficoltà legate proprio a questo spaccato di vita molto complicato. Tutte le loro storie sono ambientate in luoghi e epoche diverse, dagli anni 70 fino ai nostri giorni. L’adolescenza è una fase delicata, lo sappiamo bene, perché questo passaggio dall’età infantile all’età adulta viene vissuto con tanta paura e insicurezza. Spaventano i cambiamenti fisici come anche l’acquisizione di una maggiore consapevolezza di sé e delle proprie responsabilità nel nucleo strettamente familiare e anche in società. In questo volume intitolato “Ciclone” si parla quindi nel dettaglio di quattro ragazzi che sono Anabela, Carla, il misterioso M. e Bernardo, che riversano i propri pensieri nelle pagine di un diario. C’è chi tiene per se queste riflessioni intime e chi preferisce scriverle su un blog. C’è chi si annoia e vorrebbe solamente stare in casa da sola a mangiare, vergognandosi del proprio corpo nel quale non si riconosce più e chi vorrebbe uscire per incontrare un ragazzo, nonostante abbia il divieto di farlo. C’è poi chi ama viaggiare e approfondire eventi passati, studiandone le conseguenze nel presente e chi è alle prese con una terribile scoperta sul proprio padre. Il filo conduttore è la parola “Ciclone” che rappresenta proprio quel vortice di emozioni contrastanti che caratterizzano l’adolescenza allo stesso modo delle salite e le rapide discese tipiche delle montagne russe; Ciclone è appunto il nome di una delle prime e più famose e alte montagne russe esistenti, spesso citate dai nostri protagonisti. Vengono menzionati da questi ragazzi eventi importanti della storia come la caduta del muro di Berlino o l’esplosione avvenuta a Chernobyl. Mi è piaciuto entrare in empatia con loro e ricordare alcune problematiche che ho attraversato e le emozioni che ho provato anch’io quando ero ancora un’ adolescente.

Ringrazio la casa editrice ❣️ di vero cuore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...