Uno spazio senza tempo di Allegra Giulia Perboni

▌│█║▌║▌║ 𝕋𝕣𝕒𝕞𝕒 ║▌║▌║█│▌

Giada è un’adolescente che comincia presto a scontrarsi e incontrarsi con la vita. La sua storia è specchio di tante altre: la famiglia che si sfalda, il bullismo, la ribellione, i tradimenti, la fuga a Londra per bruciare il passato e accendere il futuro. Giada inquieta nel suo mondo sottosopra. E poi le passioni, gli amori che travolgono e che lasciano il segno, la ricerca del proprio spazio nel mondo, i sogni da realizzare. Giada diventa grande attraverso esperienze ed errori, e scopre in sé un talento insospettabile che ha radici profonde: sarà proprio quello che la farà volare.

• ● ◉✿ Recensione ✿◉ ● • ◦◦ • ● ◉✿✿◉ ● • ◦

Questo libro mi ha particolarmente colpito, perché non mi aspettavo assolutamente una storia così coinvolgente e dolorosa sotto molti aspetti. Sono stata in ansia per la protagonista Giada, che mi è entrata nel cuore pagina dopo pagina. Ho sentito un forte dispiacere per le ingiustizie che ha dovuto subire questa ragazzina e non parlo del bullismo, che è sempre un tema importante e delicato da affrontare senza alcun dubbio, ma in particolar modo della mancanza di affetto sincero da parte della sua famiglia. Se avesse avuto dei genitori amorevoli e aperti al dialogo, il bullismo o altri problemi comuni, che purtroppo si possono presentare nel periodo dell’adolescenza, sarebbero stati affrontati e magari anche superati insieme. Se non si ha l’amore e la protezione della propria madre e del proprio padre, un ragazzo non ha alcuna áncora a cui aggrapparsi nella vita.

I genitori troppo presi dai propri impegni professionali, dal desiderio di fare carriera o peggio da manie di essere ancora giovani e “disponibili” sulla piazza, non riescono a vedere i problemi dei propri figli, così palesi e proprio sotto i loro occhi.

Mi duole sapere che questa realtà, in tutta la sua sofferenza, è così diffusa oggi.

Genitori immaturi che vengono cresciuti da figli i quali non possono godere della felicità di una sana infanzia o adolescenza, fatta di amore, di attenzione, di coccole, ma fatta soltanto di critiche, contestazioni, di osservazioni negative, di litigi, di frustrazioni e di pianti..

..genitori troppo presi dal proprio conflitto, che litigano e trascurano i figli, non riescono ad offrire il supporto necessario per far crescere i figli in maniera sana ed equilibrata.

Per questo motivo, il mondo della povera Giada sembra essere sottosopra, di punto in bianco, da quando ha dovuto, suo malgrado, andare via dal paesello per vivere la vita frenetica di Milano e con essa il cambiamento dei suoi genitori.

Il bullismo da parte di ragazze benestanti accentueranno questo dramma e l’indifferenza da parte dei suoi, che ne sono a conoscenza, ma fanno finta di non sapere, anteponendo gli interessi economici al benessere della propria figlia, la faranno sentire sola e incompresa. Solo i nonni sembrano essere il suo unico rifugio, il suo nido in cui trovare pace e felicità, fatta di piccole cose, ad esempio un buon pasto generoso, come gli emiliani sanno fare, sinonimo di amore vero verso la propria famiglia. Non si può certo paragonare ai cibi congelati che le propinava ultimamente sua madre, troppo presa da una dieta ferrea, palestra e da “nuove amicizie”.

Giada però farà un percorso durante il quale riuscirà ad emergere e a trovare la forza in sé stessa per scoprire un talento nascosto in grado di farle ritrovare un equilibrio e un po’ di stabilità in questa vita tormentata.

L’autrice ha una scrittura semplice e lineare, scorrevole e accattivante. Consiglio la lettura di questa storia a tutti coloro che credono nei valori sacri quali la famiglia unita che lotta contro le difficoltà e le sfide che la vita pone davanti.

Ringrazio di ❤️ l’autrice per la copia.

Gli ansiosi di addormentano contando le apocalissi zombie. Alec Bogdanovic

➶➶➶➶➶ Trama ➷➷➷➷➷
La depressione è il male della nostra epoca. È la malattia più diffusa al mondo ed è la più temuta dopo il cancro. Il nostro anti-eroe ci si imbatte nell’adolescenza e cerca di liberarsene con la disciplina e il metodo di un ricercatore, peccato che la cavia da laboratorio sia lui stesso. Finirà così per autocondannarsi a un’interminabile escalation di sfortune e miserie umane: queste daranno corpo a un romanzo di formazione in cui tragedia e commedia si intersecano e fondono fino a diventare del tutto indistinguibili.


ıllıllı RECENSIONE ıllıllı


Un intreccio tra realtà e finzione narrato in prima persona ci presenta il male attuale in chiave ironica , l’infermità mentale. Un male che spesso non viene capito ed allontanato.
La  depressione, l’ansia, peggiorano la qualità della vita e portano ad una visione cinica della realtà, impedendo lo svolgimento di attività quotidiane.
Sicuramente è un problema, che lo stress, la vita frenetica che viviamo attualmente ha accentuato, forse anche la cattiveria della gente, che giudica e punta il dito, senza soffermarsi prima un attimo per cercare di capire o prestare aiuto.
Lo stile genuino, privo di filtri mi ha un po’ sorpreso. Effettivamente sono uscita dalla mia comfort zone e di tanto anche, ma la scorrevolezza nella narrazione degli eventi e i vari intrecci  denotano la bravura dell’autore.

Ringrazio l’autore per questa collaborazione.

✨Cosa ne pensate a riguardo?✨

Enola Holmes Il caso della dama sinistra

Titolo: Enola Holmes e il caso della dama sinistra
Autore: Nancy Springer
Editore: De Agostini
Serie: Enola Holmes
Data pubblicazione: 13 Ottobre 2020
Genere: Libri per ragazzi, Mistery
Pagine: 238
Formato: digitale (euro 6,99) cartaceo (euro 14,90)

¤ ° ´✿ .。.: * 𝙏𝙧𝙖𝙢𝙖 *.: 。. ✿` ° ¤, ¸. • *

Una città malfamata, una doma misteriosa, e un assassino in cerca della prossima vittima… niente paura, sta per arrivare Enola Holmes! Sfuggire al detective più brillante del mondo sembrerebbe un’impresa persa in partenza: nessuno ha abbastanza arguzia per superare Sherlock Holmes… Nessuno tranne sua sorella Enola. Che infatti non ha la minima intenzione di farsi rinchiudere in casa per diventare una signorina a modo, come vorrebbero Sherlock e Mycroft. Del resto, Enola se la cava benissimo da sola. E adesso che ha iniziato a lavorare presso lo studio del dottor Ragostin, illustre detective di Londra, sa di aver trovato la sua strada. È proprio qui che per la prima volta sente parlare di lady Cecily. Bellissima e corteggiatissima giovane che dal giorno alla notte svanisce misteriosamente nel nulla. Che si tratti di fuga d’amore? O peggio… di omicidio? Le tracce sono indecifrabili, le strade di Londra insicure, Scotland Yard brancola nel buio. Enola però non si perde d’animo: è pronta a prendere in mano le indagini e infrangere tutte le regole, pur di risolvere il caso. Sempre che questo non la trasformi nella prossima vittima… Tra incredibili travestimenti e fughe rocambolesche, continuano le avventure di Enola, un’eroina intelligente e caparbia, capace di farla sotto il naso dello stesso Sherlock Holmes. 

▀▄▀▄▀▄ Recensione ▄▀▄▀▄▀

Questo romanzo mi ha sorpreso e coinvolto più del primo, di cui vi ho parlato qualche giorno fa. Ho ritrovato una ragazza più matura, a dispetto dei suoi anni, coraggiosa e di buon cuore. Enola, sempre sola e libera come il vento, accusa i primi cedimenti nostalgici, infatti sente profondamente la mancanza di sua madre, che ama tanto, ma allo stesso tempo le rimprovera di averla abbandonata. Comprende perfettamente che sia uno spirito libero, ma vorrebbe tanto starle accanto come un tempo. I loro messaggi in codice, sulla gazzetta di Pall Mall, le hanno dato un po’ di speranza di poterla riabbracciare presto, ma c’è il rischio che siano stati intercettati e decifrati da suo fratello Scherlock che non si dà pace per aver perso le tracce della sua sorellina.

Se almeno fosse al sicuro con la loro madre… non si darebbe certo tanta pena!

Sherlock, al contrario di Mycroft, ha un animo gentile e si sente un po’ responsabile per la fuga di Enola. Vorrebbe poterla tenere al sicuro, infondo è la sua sorellina, che gli somiglia tanto sia esteticamente che interiormente.

Eppure, la piccola investigatrice in erba gliela fà sotto il naso. Sherlock Holmes, l’ investigatore più famoso al mondo, viene “investigato” da quello scricciolo di ragazza, così furba e intelligente. Enola ha uno spiccato lato umano e non si tira indietro di fronte al nuovo caso: la scomparsa di lady Cecily Alistair. Riuscirà a portare a termine questo nuovo incarico? La bravissima “perditoriana” si imbatterà in tante avventure e disavventure, ma non si farà di certo scoraggiare.

La povertà, messa in risalto, fa riflettere su quanto fosse ampio il divario sociale in quell’epoca ed Enola mette fuori una forte sensibilità verso le classi meno abbienti, rendendosi una di loro, durante le sue notti insonni, dando loro un po’ di conforto con un po’di cibo, qualche moneta, una coperta… cercando di non dare nell’occhio, con astuti travestimenti. Questi luoghi sono il punto di partenza per cercare di sbrogliare i fili di puzzle intricati e apparentemente irrisolvibili.

Quindi, se amate l’avventura e i misteri, questo è il romanzo adatto a voi. L’atmosfera lugubre dei bassifondi di una Londra ottocentesca creerà un’ambientazione magica alla quale non potrete assolutamente rinunciare, immergendovi totalmente in questo romanzo investigativo. La giovane e sagace Enola diventerà vostra amica, rendendovi partecipi dei suoi lavori concettuali, perché si rivolgerà a voi lettori direttamente, in prima persona.

Pronti a leggere questo libro carico di colpi di scena?

Grazie di cuore Dea Planeta libri 💓

Lamù Autore: Tonino Scala, Antonio PortellaEditore: Edizioni Mea

La vita scorre con lentezza nella periferia ad est di Napoli. Siamo alla fine degli anni ’80 a Ponticelli e la luna bugiarda e spiona osserva l’amicizia tra un panettiere e un operaio che nasce su un campo di calciotto. Lello e Mario, due vite diverse con anime profondamente simili. Hanno la stessa età, ma Mario è sposato e ha due figli. Come tutti i ragazzi sognano: Lello guardando la superstrada che collega la sua periferia dell’animo al capoluogo; Mario osservando una luna bianca e guardona. Entrambi sono chiusi in gabbia. “Lamù racconti di anime”, è tante cose. È un viaggio di anime variegate in una periferia esistenziale che accarezzano i loro sogni, è un racconto di amicizia, ma è soprattutto un romanzo d’amore che va oltre ogni barriera. Un Amore che non si arrende di fronte a nulla e non ha paura di esporsi. Prefazione Massimiliano Gallo.

◦ • ● ◉✿ 🆁🅴🅲🅴🅽🆂🅸🅾🅽🅴 ✿◉ ● • ◦

A tutti è capitato di affrontare momenti difficili, momenti in cui la vita ti mette alla prova, o ti pone davanti degli ostacoli da superare. C’è chi è in grado di affrontare queste sfide con coraggio, chi tentenna ma non molla la strada della risalita e chi di fronte ad un principio di ostacolo si lascia travolgere e comincia a vedere tutto nero.

Le persone forti e sicure non sono necessariamente così perché hanno avuto una vita facile, con la strada spianata e senza nessun ostacolo all’orizzonte; esse hanno incontrato problemi come tutte le altre ma la differenza sta nel modo in cui hanno affrontato queste sfide.Ogni tanto capita di imbattersi in storie straordinarie di persone che, nonostante abbiano incontrato grandi difficoltà, sono riuscite a superare ostacoli che sarebbero sembrati insormontabili quasi a chiunque e a trasformare la loro debolezza in forza diventando un modello a cui ispirarsi e facendosi portatori di messaggi di coraggio e speranza.

La storia di Lello e Mario è davvero uno spaccato di vita da leggere per poter capire meglio alcune tematiche fondamentali molto delicate. Un vortice di emozioni  ti travolge e ti fa immergere nel profondo della storia. I due autori sono stati abili a scrivere un racconto che, seppur di fantasia, è ambientato in un luogo reale di Napoli, dove la vita non è tanto facile e sembra difficile veder  realizzare i propri sogni ed affrontano una tematica molto delicata e attuale.
Cos’è la NORMALITÀ?
La normalità è un fattore incredibilmente influenzato dall’aspetto culturale. Per cui, chi stabilisce che una cosa è normale? Dov’è scritto che un comportamento o un’azione è definita normale? Quali sono i confini tra il normale e l’anormale?

Lamù è un inno
»★«alla  ʟ҇ɪ҇ʙ҇ᴇ҇ʀ҇ᴛ҇a҇̀҇, ҇all’ ҇ᴀ҇ᴍ҇ᴏ҇ʀ҇ᴇ҇, ҇ ҇all’ᴀ҇ᴍ҇ɪ҇ᴄ҇ɪ҇ᴢ҇ɪ҇ᴀ҇ »★«
che abbatte ogni barriera in una Napoli di periferia autentica e sincera. Lo stile rude e con espressioni tipiche napoletane rendono tutto realistico.

Non voglio rivelare il contenuto del racconto per non rovinare la sorpresa, ma invito tutti a leggere Lamù senza ombra di dubbio.
Ringrazio @edizionimea per la copia

Enola Holmes di Nancy Springer

Enola Holmes sbarca il 23 settembre su Netflix. Ho subito visto il film e non potevo non leggere il libro da cui è stato tratto : “Enola Holmes. Il caso del marchese scomparso” di Nancy Springer (DeA).

RECENSIONE

Ho letto questo libro tutto d’un fiato in quanto si tratta di una storia estremamente coinvolgente e appassionante. 🇪 🇳 🇴 🇱 🇦, la sorella minore di Mycroft e Sherlock Holmes, è cresciuta da sola con sua madre per quattordici anni. E, proprio nel giorno del suo quattordicesimo compleanno, sua madre scompare misteriosamente nel nulla, ma non si lascia sopraffare dallo sconforto e si adopera con ogni mezzo a sua disposizione, per cercare di risolvere questa sparizione avvolta nel mistero. Non può credere che sua madre l’abbia abbandonata e così inizia ad investigare cercando di trovare indizi validi per rimettere insieme i pezzi di questo puzzle apparentemente indecifrabile.

Presto convoca i suoi famosi fratelli da Londra per venirle in soccorso, ma questi non si rivelano tanto dolci e disponibili con lei, come aveva tanto desiderato. Enola, abituata fin da piccola a cavarsela da sola( non a caso Enola non è altro che Alone=sola, se lo si legge al contrario) scappa dalle grinfie di Mycroft, che pretende di darle un’educazione da vera signora chiudendola in collegio, e si avventura alla ricerca di qualsiasi traccia, per riuscire trovare la sua cara mamma, che sembra essersi dissolta nel nulla di punto in bianco, senza una spiegazione plausibile.

Incontrerà sul suo cammino un altro mistero da risolvere: la scomparsa del giovane marchese Tweksbury. In una Londra dell’ottocento, in quartieri pieni di insidie, Enola affronterà i vari pericoli e avventure con coraggio e si dimostrerà all’altezza del suo famosissimo fratello Sherlock. Intrepida, caparbia ed estremamente intelligente, riuscirà a cavarsela nelle situazioni difficili e a risolvere i misteri che la circondano.

Ho scorto in queste pagine un forte femminismo, un inno alle donne tenaci e indipendenti, che adoperano la testa autonomamente e non lasciano calpestare i propri diritti da uomini pieni di sé; una sorta di rifiuto della subordinazione femminile e della diversità di potere tra i sessi, in un’epoca in cui la donna era costretta ad indossare corsetti strettissimi, copricapi scomodi e sottogonne ingombranti, al solo scopo di essere ammesse nell’alta società, in vista di un buon partito da accalappiare. Insomma, Enola è una vera eroina dei nostri giorni e, leggendo queste pagine, si ha voglia di proseguire per conoscere le sue avventure.

Quindi non ci resta che farci avvolgere da un alone di mistero nel mondo investigativo, tutto al femminile della nostra eroina Enola.

Enola Holmes

Buongiorno lettori
sono davvero felice di iniziare questa nuova lettura . Ho già guardato il film su Netflix e ne sono rimasta affascinata. Il libro mi catturerà completamente, lo so🥰.
Vi farò sapere cosa ne penso.
Lo avete letto? Avete visto il film?

Grazie @deaplanetalibri per la copia❤️(DeA).

Vi lascio la trama:
ⒺⓃⓄⓁⒶ ⒽⓄⓁⓂⒺⓈ
Il caso del marchese scomparso
Due fratelli di troppo, un marchese scomparso e un mistero che si infittisce di minuto in minuto… niente paura, sta per arrivare Enola Holmes!
          
non augurerebbe a nessuno di essere la sorella minore dei due zucconi inglesi più famosi al mondo. Mycroft e Sherlock Holmes. Che la guardano sempre dall’alto e la credono una femminuccia capricciosa. Per fortuna la loro madre la pensa diversamente… Quando però la donna scompare nel nulla, le cose per Enola precipitano e i fratelli decidono di spedirla in collegio, convinti che quel posto farà di lei una docile signorina.
Ma Enola, che non ha mai obbedito a ⓂⓎⒸⓇⓄⒻⓉ Ⓔ ⓈⒽⒺⓇⓁⓄⒸⓀ ⒽⓄⓁⓂⒺⓈ un solo giorno in vita sua, non inizierà certo adesso. E se quei due sono troppo ottusi per aiutarla nella ricerca della madre, ci penserà lei a indagare. Così, in sella alla sua bicicletta, Enola fugge di casa e si mette in viaggio verso Londra. E se sulla strada dovesse imbattersi nello strano rapimento di un giovane marchese, be’… sarebbe l’occasione perfetta per dimostrare quanto risolvere casi sia elementare, per una Holmes! Tra intrighi, indagini e inseguimenti mozzafiato, con questo romanzo iniziano le avventure di un’eroina intelligente e caparbia, capace di farla sotto il naso dello stesso Sherlock Holmes.

«Intelligente, razionale, determinata e piena di risorse. Questa è Enola Holmes.»

La collezionista di libri proibiti di Cinzia Giorgio

TRAMA

Venezia, estate 1975. Olimpia ha solo quindici anni quando conosce Anselmo Calvani, proprietario di una storica bottega d’antiquariato. È un incontro decisivo, Anselmo intuisce subito l’intelligenza e la sensibilità della ragazza e la incoraggia a seguire la sua inclinazione. Giovanissima ma già appassionata lettrice, Olimpia comincia a frequentare il suo negozio, a lavorare lì e, con il suo aiuto, inizia a collezionare preziosi libri messi all’indice dalla Chiesa. Mentre cresce la sua passione per quei volumi antichi, anche quella per Davide, il nipote di Anselmo, segreta e non dichiarata, brucia l’animo della ragazza. E una notte, sospinti dalla lettura dei versi erotici di una cortigiana veneziana, i due cedono ai loro sentimenti… Parigi, estate 1999. Olimpia vive ormai nella capitale francese. Ha aperto una casa d’aste, specializzata in libri e manoscritti antichi, tra le più quotate ed eleganti della città. Ogni anno riceve da Davide uno strano regalo: un pacchetto che contiene lettere un tempo censurate, insieme a un libro considerato in passato “proibito”, di cui Olimpia riconosce il grande valore. Sono l’eredità di Anselmo… Ma come poteva un modesto antiquario veneziano esserne in possesso? E che legame c’è tra quelle lettere e la bottega da cui provengono?

Recensione📚🤎

Ho amato subito Olimpia perchè mi ha ricordato la me stessa ragazzina quando, a quindici anni, ero molto più emozionata per l’acquisto di un nuovo libro invece che di un nuovo vestito.
I libri sono sempre stati compagni di vita, leggevo e mi sentivo leggera dai piccoli problemi e piena di nuove esperienze. Non ero solita stare da sola, ma avevo la necessità di leggere e fare di me una persona diversa, arricchita. Forse, questo bisogno di evasione, mi faceva desiderare una vita piena di magia o non mi è mai bastata una sola vita.Così come Olimpia ho sempre rispettato i libri, li ho sempre trattati bene, riuscendo a coglierne l’anima. Ritrovare tutti questi aspetti nella protagonista di un romanzo non poteva che farmela amare fin dal primo momento.

Le prime pagine di questa storia sono ambientate in un momento successivo a quello da cui Olimpia inizia a raccontare la sua storia. Brevi pagine che ci incuriosiscono e piantano i semi di un mistero che per essere svelato ha bisogno che il lettore torni indietro, ad un periodo più lontano, quando Olimpia ha quindici anni ed entra per la prima volta nella bottega dell’antiquario Anselmo Calvani. Gli anni che Olimpia trascorrerà in questa bottega magica, per noi amanti dei libri, saranno importantissimi e formativi per Olimpia, non solo per la sua futura professione ma anche per il suo giovane cuore. Proprio nella bottega di Anselmo, Olimpia incontrerà infatti Davide, nipote del vecchio antiquario, un volto che rimarrà scolpito nel suo cuore e che sarà, insieme ai libri, l’amore della sua vita.

I luoghi in cui è ambientata questa storia sono particolarmente unici nel loro genere, Venezia e Parigi. L’autrice ne descrive perfettamente le atmosfere cogliendone l’anima.
Oltre ad Olimpia e Davide questo romanzo ci presenta molti altri personaggi ben inquadrati. Il vecchio antiquario Anselmo che ama i libri ed il suo lavoro con tutto se stesso, Peggy amica di Olimpia  ed artefice del mistero che aleggia sulla storia. Peggy è un’anziana ereditiera americana trasferitasi a Venezia, aiuterà Olimpia a seguire il suo cuore, i suoi sogni, a spiccare il volo e la amerà come una figlia.
Come ho già accennato, aleggia un mistero su questa storia e questo mistero non può non riguardare i libri, in perfetta sintonia con il titolo, questo mistero riguarda libri proibiti oramai quasi dimenticati fra le pieghe del tempo. 

Lo stile è fluido, scorrevole, non ti stanca, ma incuriosisce e invoglia a proseguire. I personaggi molto intriganti che si muovono in un contesto che non manca di segreti e di misteri da risolvere. Lettura assolutamente consigliata. 🍁📖

Midnight Sun by Stephanie Meyer

Recensione ❤️

Finalmente dopo anni di agonia per l’attesa di Midnight Sun, ho avuto modo di averlo tra le mani, perché la queen Stephanie Meyer ci ha fatto dono del suo ultimo capolavoro. Ho trovato la storia molto più affascinante leggendola dal punto di vista di Edward Cullen, il giovane e avvenente vampiro, che finalmente si “mette a nudo” per noi. Ho desiderato tanto conoscere i suoi pensieri e sebbene risultino noiosi per molti lettori, io ho trovato il suo essere cogitabondo così profondo e attraente. Ora che ho letto i pensieri di Edward Cullen, capisco molto di più il suo punto di vista, le sue ragioni, i suoi istinti e vedo quanto sia molto più umano di altri uomini.

La sua lotta interiore tra la parte mostruosa e quella umana è struggente e ci avvicina in modo particolare a lui, sentendolo affine a noi. Chi non si batte ogni giorno per cercare di essere una persona migliore?

La sua continua e altalenante fuoriuscita di personalità buona o cattiva è dovuta al profondo attaccamento al suo oggetto del desiderio. Bella dapprima è un pasto appetitoso con un profumo inebriante, poi questo appetito lascia spazio a qualcosa di misterioso. Una forza interiore lo spinge a stare sempre affianco a lei, con un istinto protettivo molto forte. E comunque ha un grande autocontrollo. In questo modo, che definirei sofistico, prosegue i suoi giorni, combattuto tra la voglia di seguirla sempre come fosse la sua ombra, per proteggerla, e la paura di non riuscire a resistere a quel profumo troppo conturbante per lui.

Questo è il mistero che attanaglia il suo cuore di vampiro. Lui stesso si sente un essere troppo pericoloso per starle accanto, ma al contempo vuole proteggerla .. da altri pericoli. Lei che sembra una vera calamita per le insidie.

La cosa strana è che questa ragazza è un mistero per lui. Non riesce a leggere la sua mente e per questo inizia a seguire Bella ascoltando ciò che dicono e pensano i suoi amici.

Perché lei non ha paura di lui come tutti gli altri esseri umani? Edward sa bene il fascino che possiede e il potere che ha di ammaliare chiunque, ma gli umani hanno anche timore di lui, della sua famiglia, per via dell’istinto. L’istinto di Bella sembra funzionare al contrario. Lei non scappa nemmeno messa di fronte alla verità.

Ama un vampiro, un mostro senza vita, con una pelle fredda e viscida come il marmo. Come può non capire che questo è sbagliato e pericoloso? Lui è spaventato, ma felice di questo. Lotte interiori infinite per il nostro vampiro.

Detto questo, ci si chiede se era davvero indispensabile questo pov? La mia risposta è sì assolutamente.

Ho trovato una lettura adatta a me senza ombra di dubbio e sono grata all’autrice di aver realizzato questo capolavoro. Lei prima di altri, mi fece innamorare degli young adults fantasy e questa saga ha sempre un posto speciale nel mio cuore.

Back in love di Emma Scacco

Scheda Tecnica

  • Titolo: Back in love
  • Autore: Emma Scacco
  • Data di Pubblicazione: 17 ottobre 2020
  • Editore: Self publishing
  • Genere: Pink western
  • Numero di pagine: 450
  • Creazione copertina: Sara Pratesi Fox Creation.
  • Idea grafica: Anna Lagoverde
  • Prezzo lancio ebook fino al 31 ottobre: €2.99
  • Prezzo Cartaceo: €19.90
  • ACQUISTALO QUI: AMAZON

Vivi
Una vita fatta per chi si accontenta
che hanno costruito per tenerti in gabbia

Senti
il destino che ti ha preso per mano
Puoi cambiare le carte in tavola
c’è un modo per ricostruire

Custodisci e cura
le macerie di quello che è rimasto.

Scopri
Per cosa vale la pena perdere tutto.

Torna
Alla vita che hai sempre sognato
All’amore che cercavi
Alla speranza che non abbandona

Ama
Quello che sei e in cosa credi.
Il tuo cuore che batte di passione.

Sinossi
Sono passati otto anni da quando Greta ha dovuto abbandonare Copperas Cove. Da allora sono cambiate molte cose. Greta e Jonathan si sono dimenticati cosa avrebbero potuto essere l’una per l’altro, ma il destino non si è dimenticato di loro.

Recensione❤️:

“Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce”. Pascal


Leggendo questo romanzo ho sempre avuto nella mente questa citazione.

Greta e Jhonathan attraversano una tempesta lunga tanti anni, durante i quali vivono separatamente vite scandite dal dovere e dai successi. Ma la vera felicità è davvero lontana milioni di anni luce da loro.

Le emozioni travolgenti che hanno provato in passato, quando erano insieme, sono impossibili da rivivere, perdipiù con persone accanto per nulla affini alle loro anime. Dopo quel tragico incidente, Greta è ripartita per Londra e si è prodigata per diventare una vera Contessa, la Contessa di Pourthmout , perdendo totalmente la spensieratezza, la gioia di vivere e l’amore che possedeva durante il suo soggiorno in Texas, la sua vera casa. Solo doveri e obblighi per lei, nulla di più.

Ma dopo la morte di sua nonna, donna fredda e distaccata, scopre anche la vera natura dell’uomo che si appresta a sposare e decide di fuggire via da Londra, recandosi dove dimora la sua vera sé, il Texas, e qui l’attende il matrimonio dei suoi amici, quelli veri, sinceri e leali, Steve e Arianna. Ma in questo luogo risiede anche tutto il suo passato, fatto di dolci battiti di cuore, ad ogni piccolo sguardo rivoltole da Jhonathan. È sempre stato così con lui.. un’attrazione forte, travolgente. Non credeva che rivederlo avrebbe risvegliato in lei quelle sensazioni. Anche Jhonathan, che ha sempre cercato di sopire questo sentimento negli anni, viene travolto da un turbinio di emozioni che sconvolgono il suo mondo.

Succede l’impossibile durante il loro casuale incontro, che li porterà ad affrontare insieme la strada dall’aeroporto verso il ranch, trascorrendo ore intense fianco a fianco.

Le varie vicissitudini sfortunate, causa maltempo, in realtà si rivelano la loro salvezza. Stare insieme a stretto contatto, unisce profondamente le loro anime, che in realtà non si sono mai perdute nel corso della loro separazione. Due cuori che sono uno l’estensione dell’altro e ora battono all’unisono.

L’attrazione reciproca è palpabile e il fuoco che brucia nei loro corpi sta per accendersi, ma devono affrontare la dura realtà.. una sorpresa inattesa si frappone tra loro e non è facile gestire questa difficile notizia.

Jhonathan ha le sue regole, ha il suo codice d’onore tipico dei cowboy e non transige sull’ inosservanza di alcune consuetudini. Non sa bene come affrontare la nuova situazione con Greta e poi a casa lo aspetta Jolene, anche se ammette che non prova per lei le forti emozioni che sente per Greta. Ha ora la certezza che ci sia un uomo ad aspettarla a Londra e non vorrebbe ricadere nel baratro della disperazione, vedendola ripartire ancora una volta, dopo il matrimonio di sua sorella e Steve, riducendo nuovamente il suo povero cuore in frantumi, proprio ora che era riuscito a rifarsi una vita o meglio era riuscito a crearsi una sorta di “sopravvivenza” apparente.

Greta è davvero combattuta. Sente l’amore per Jhonathan riaffiorare dentro di sé forte e prepotente, tanto da far fatica a trattenerlo. Sa di non resistere alla tentazione di stargli lontano, ma capisce anche che lui ha una donna a casa che lo aspetta.

“La ragione è caparbia, è vero, ma nessuno può
domare il cuore. Neppure tu, neppure se credi di non averlo.”

Quello che è mancato in passato è sicuramente la voglia di lottare, di non arrendersi mai per ottenere la felicità, l’amore. La giovane età dei due forse è stato un punto a sfavore di entrambi.


Ora che sono più maturi, riusciranno ad affrontare le difficoltà pur di stare finalmente insieme?

In questa storia c’è anche il punto di vista di Michael che deve fare i conti con le sue ex mogli..!

Riuscirà a capire che l’odio non porta mai da nessuna parte? La chiave di tutto è sempre l’amore e l’amicizia vera e sincera.

Ora che questa avventura si è conclusa, sento un forte vuoto dentro di me, perché mi ero davvero affezionata a questi personaggi. La scrittrice è stata abilissima a trasportarmi in questa fantastica dimensione. Il Texas pian piano si è insinuato nella mia anima, facendomi desiderare ardentemente di poterlo visitare un giorno e i due protagonisti mi hanno emozionato nel profondo. Anche gli altri personaggi hanno un posto speciale nel mio cuore, soprattutto il forte e saggio nonno Luke 🧡.

Lo stile curato e attento, la scrittura scorrevole, descrittiva e molto dialogata sono un mix esplosivo, che crea dipendenza.

Consiglio la lettura di questo libro a tutti coloro che amano le storie d’amore e a chi crede che al destino non bisogna mai voltare le spalle.

Ringrazio l’organizzatrice Flavia ancora una volta, perché senza di lei non avrei potuto prendere parte a questo bellissimo progetto e la bravissima scrittrice Emma Scacco, alla quale auguro il meglio durante il suo percorso. Ringrazio anche le ragazze che hanno partecipato a questo evento e con le quali ho instaurato un bellissimo rapporto.

Jhonathan Strange & il Signor Norrell di Susanna Clarke

Sospeso tra sogno e realtà, grottesco e tragedia, cronaca e fantastico, uno straordinario affresco d’epoca cui non manca un tocco di autentico humour inglese

Viveva un tempo in Inghilterra un re allevato dalle fate. Un’epoca di grandi prodigi che nella Londra di inizio Ottocento sembra ormai materia di leggende. Nelle vie londinesi riecheggia però un’antica profezia attribuita al sovrano che annuncia una nuova era di portenti. E a breve giunge in città Gilbert Norrell, capace di far rivivere gli antichi fasti della magia grazie ai suoi poteri straordinari. Misantropo, scorbutico e dotto, vorrebbe porre le sue arti al servizio del governo nella guerra contro Napoleone. E quale migliore occasione per mettersi in evidenza che riportare in vita la moglie di un importante ministro, da poco scomparsa? Il destino della giovane donna sarà il filo conduttore del romanzo, insieme al rapporto fra Norrell e Jonathan Strange, eccentrico gentiluomo che ha da poco intrapreso la carriera magica. Prima maestro e allievo, poi antagonisti in uno scontro che assume toni sempre più foschi, i due torneranno a unirsi nella più pericolosa delle imprese? Ma la drammatica profezia è davvero destinata a compiersi? Il ritorno della magia sul suolo britannico vale un sacrificio così grande?

Susanna Clarke, con la sua opera d’esordio Jonathan Strange & il Signor Norrell, è stata un caso editoriale. Alla scrittrice occorsero ben dieci anni per portare a termine il romanzo. L’editore della Bloomsbury, una volta avutolo tra le mani, ne constatò l’enorme potenziale e lo mandò in stampa, stipulando contratti con altri diciassette Paesi e staccando un assegno di un milione di sterline alla Clarke.

Sembrerebbe un passo azzardato, ma l’editore aveva fiutato un vero capolavoro, come fu in precedenza per Harry Potter della Rowling, e infatti si confermò una vero successo a livello di vendite. Il libro si aggiudicò anche il premio Hugo nel 2005 come miglior romanzo. Nello stesso anno Jonathan Strange & il Signor Norrell approdò anche in Italia grazie alla Longanesi, che offrì ai lettori la possibilità di scegliere tra una copertina nera e una bianca. Io possiedo quella bianca. Magia, avventura, l’affascinante Inghilterra del XIX secolo e personaggi di forte impatto, non c’è da stupirsi quindi se all’opera prima di Susanna Clarke si interessarono anche le case cinematografiche di Hollywood. Difatti la BBC America di accaparrò i diritti per la trasposizione dell’opera sul grande schermo, dando vita a una serie di soli sette episodi, che tuttavia in Italia non sono disponibili.

Descrizione: Ci troviamo nel XIX secolo. L’Inghilterra è impegnata nelle cruente guerre Napoleoniche che mettono a dura prova l’assetto politico-economico del regno. Vi è però un altro aspetto da tenere in considerazione, la magia. Sebbene sia ritenuta per lo più estinta, nelle Accademie gli studiosi ne ricordano il glorioso passato che ebbe il massimo splendore nel Medioevo, ritenuto l’età dell’Oro della magia in cui operavano gli Aurei, i più portentosi incantatori mai esistiti. Il più importante fu il Re Corvo, signore dei Regni Fatati, dell’Inferno e della Gran Bretagna del Nord. La sua improvvisa scomparsa determinò il progressivo deterioramento delle pratiche magiche. Ma la sua leggenda perdura ancora.

Ormai la magia è diventata argomento da salotto, più una cultura personale per facoltosi eruditi che un’arte da coltivare. Eppure pare che vi sia ancora qualcuno in grado di praticarla. Così John Segundus, membro dell’Accademia dei Maghi di York, decide di dare una svolta alle sue ricerche sulla magia volte a smentirne la scomparsa facendo visita a un certo Gilbert Norrell. Di lui si vocifera sia un vero mago, forse l’unico in vita, e che possiede la più vasta biblioteca di magia esistente. Norrell dà effettivamente prova del suo talento e da quel momento in Inghilterra si solleva un putiferio mediatico. Tutti vogliono vedere con i propri occhi il ritorno della magia. Per primo il governo britannico che intende arruolare un mago che possa risultare decisivo nelle campagne contro Napoleone Bonaparte.

Un ulteriore apporto al riaffermarsi della magia in Inghilterra lo fornisce Jonathan Strange. Egli si avvicinò alla magia in maniera curiosa. Rimasto senza lavoro, per far colpo sulla sua innamorata le confidò di voler diventare un mago. Iniziò come autodidatta e ben presto il suo potenziale venne notato da alcuni agenti del Signor Norrell che invitarono Strange a diventarne l’allievo. Nacque così una collaborazione molto particolare tra i due maghi che risollevò il valore della magia inglese. Ma una tale responsabilità è difficile da gestire, specie quando si esplorano mondi dimenticati e pratiche arcane, incomprensibili per una società progressista di stampo illuminista, e le conseguenze rischiano di sovvertire ogni legge empirica.

RECENSIONE ⬇️

Il libro ha uno stile narrativo e grafico che ricorda gli antichi romanzi ottocenteschi, tanto che la penna dell’autrice pare rievocare l’eleganza e la raffinatezza espressive di Jane Austen, condite da una sobria ironia tipicamente inglese. Tra le pagine si narra di eleganti salotti, lussuose sale gremite di personaggi buffi, pittoreschi borghi di periferia, ma anche lugubri e decadenti scenari dall’atmosfera gotica. Durante la narrazione troviamo note a piè di pagina che ricostruiscono vicende storiche, vite di particolari individui e approfondimenti su svariati aspetti della magia. Corredano il tutto le meravigliose tavole in bianco e nero di Portia Rosenberg, che conferiscono un’ aria un po’ lugubre e antica, come vuole il racconto.

Io sono affascinata da questa storia e sebbene non sia una lettura veloce e facile da capire, mi ha tenuta incollata alle pagine misteriose e cariche di humor . Consigliatissimo 🎃